Festival di Locarno, 71 volte giovane: gli appuntamenti imperdibili

Il festival di Locarno non ha diritto all’invecchiamento. E’ una affermazione suggestiva e apparentemente arbitraria, questa del direttore operativo Raphael Brunschwig, ma assolutamente suffragata dai fatti. E’ un festival, quello ticinese, nato giovane e che ha sempre fatto dello sforzo del rinnovamento uno dei motori della sua esistenza e vitalità. Il programma di questa 71ma edizione, (dal primo all’11 agosto) la sesta curata dal valdostano Carlo Chartrian (e anche l’ultima perché chiamato a occuparsi delle gestione artistica del Festival di Berlino!) non può che confermarlo. Così come la sua natura di ponte tra la cultura mediterranea (massimamente l’italiana) e quella nord-europea.

Mentre rivendica l’aumento delle opere prime in questa edizione (ben sei), il direttore artistico sottolinea elementi di novità, tra cui l’apertura a linguaggi limitrofi a quelli cinematografici in apposite sezioni, piattaforme che si aprono a discussioni, con finestre del mondo globale della comunicazione; soprattutto (seguendo in questo suggestioni da altri colleghi e manifestazioni) ricorda l’introduzione dell’evento live, che coincide con la esecuzione della colonna sonora dal vivo proprio la prima grande sera (anche se ci sarà il giorno prima una pre-apertura popular con la proiezione di Grease), ad aprire in pompa magna la retrospettiva dedicata a Leo McCarey (del magistrale autore di commedie e comiche dal muto al sonoro ci torneremo in un altro servizio) con Liberty, capolavoro comico del 1929 con Laurel & Hardy (il futuro comincia dunque dal passato più glorioso).

Liberty

 

Scorriamo ora a volo radente il menu dell’edizione, almeno dei suoi piatti forti.

In Piazza Grande, la sera, tra i titoli più attesi dal grande pubblico: da Equalizer 2 (con Washington) di Antoine Fuqua al sequel (diciamo così per semplificare) della straordinaria miniserie tv P’tit Quinquin (ahimé pressoché e colpevolmente inedita in Italia) di Bruno Dumont – per lui il Pardo d’onoreCoincoin et Les z’inhumains; dall’ultimo Spike Lee (from Cannes) Blackklansman all’italo svizzero (non male la pattuglia nostrana quest’anno) Un nemico che ti vuole bene di Denis Rabaglia (con Diego Abatantuono); dall’immarcescibile filippino Lino Brocka con il “vecchio” capolavoro Manila in the Claws of Light del 1975 al nuovo Blaze di Ethan Hawke (!!, per lui qui anche l’Excellence Award); da L’ospite di Duccio Chiarini, battente triplice bandiera italo-svizzera-francese alla chiusura affidata alla commedia transalpina I Feel Good di Bemoit Delepine e Gustave Kervern, con il grande Jean Dujardin.

I Feel Good

Ovviamente le scoperte sono destinate al concorso internazionale: 15 opere sottoposte al giudizio della giuria composta da Jia Zhang-ke (presidente), Emmanuel Carrère, Sean Baker, Tizza Covi e Isabella Ragonese. Noi scommettiamo in particolare su Gangbyun Hotel del sublime coreano Hong Sangsoo; M dell’assistente di Gitai, Menahem Lang; Alice T. del talentuoso rumeno Radu Munteanu; l’italiano Menocchio di Alberto Fasulo, ambientato nel 16mo secolo; più un tour de force che promette di esasperare e dividere: La flor dell’argentino Mariano Llinas, 815 minuti (!!!) proposti in tre parti, con tanti episodi diversi ad assommarsi (anche per gli stili che attraversano tutti i generi cinematografici) e su cui il direttore ha speso parole lusinghiere di presentazione, definendolo “una sorpresa costante”.

Menocchio

Altre opere italiane, Fuori concorso o nelle sezioni collaterali Cineasti del presente, Pardi di domani, Sign of time (tutte sezioni di cui parleremo più avanti): Dulcinea di Luca Ferri, Frase d’arme di Federico Di Corato, My Home, in Libia di Martina Melilli, Likemeback di Leonardo Guerra SeràgnoliSembra mio figlio di Costanza Quatriglio e il più che gradito ritorno di Silvano Agosti, con un film documentario sul ’68 con interviste a tanti protagonisti dell’epoca: Ora e sempre riprendiamoci la vita.

In più, Leopard Club Award a Meg Ryan, Premio Vision Award a Kyle Cooper (straordinario artista dei titoli di testa, ricordate – tanto per fare un esempio – Seven?), Premio Rezzonico al produttore Ted Hope, più un sentito omaggio ai fratelli Taviani con la proiezione restaurata di Goog Morning Babilonia (ma anche di questo parleremo diffusamente più avanti).

Nessun Articolo da visualizzare