Sean Connery: c’era solo un ruolo che l’avrebbe fatto tornare sul set

Sean Connery avrebbe interrotto la sua pensione solo per questo ruolo.

Sean Connery decise di ritirarsi dalle scene nel 2003, con il film “La Leggenda degli Uomini Straordinari“. Tanti sono stati gli anni senza una sua partecipazione, un suo nuovo film: solo un paio di lavori come doppiatore. Eppure l’attore, come emerso da un suo blog personale, sarebbe tornato in un solo ruolo.

Come sappiamo Sean Connery si è ritrovato al fianco di Harrison Ford a lavorare in “Indiana Jones e l’ultima Crociata” nel 1985, film nel quale l’ex James Bond ha interpretato il padre di Indiana Jones. Ecco, questo è il ruolo che avrebbe voluto rifare nuovamente.

L’attore “confessò” così: “Se c’è un film che avrebbe potuto interrompere la mia pensione, quel film sarebbe stato Indiana Jones ma alla fin fine, credo che starsene in pensione sia troppo dannatamente divertente. Eppure adoro lavorare con Steven e George, ed è un onore avere Harrison come mio figlio“.

In realtà in un intervista del 2007 spiegò che Spielberg provò a convincerlo nel tornare in “Indiana Jones e il Regno del Teschio di Cristiallo”, ma Sean rifiutò: “Non era una parte generosa, per cui valeva tornare nel mondo del cinema. E poi avevano indirizzato la storia verso qualcosa di nuovo, per cui il padre di Indy non era così importante. Ho consigliato di ucciderlo nel film“.

Unendo le due dichiarazioni capiamo quindi che l’attore, scomparso da pochi giorni, avrebbe accettato volentieri solo quel ruolo, a patto di un ritorno in grande stile.