”FINO A QUI TUTTO BENE”: IL FILM PREMIATO DAL PUBBLICO AL FESTIVAL DI ROMA IN SALA DAL 19 MARZO

Dopo lo straordinario successo all’ultima edizione del Festival del Cinema di Roma, Fino a Qui Tutto Bene, la nuova pellicola di Roan Johnson, arriverà nei cinema il 19 marzo distribuita da Microcinema

locandina-fino-a-qui-tutto-bene-ciakLa commedia rivelazione Fino a Qui Tutto Bene, presentata, e applaudita, all’ultimo Festival del Film di Roma, dove ha vinto l’importante Premio del Pubblico BNL – Cinema Italia, uscirà nelle sale italiane il prossimo 19 marzo, distribuito da Microcinema. L’opera, a metà tra il dolce e l’amaro, è scritta, diretta e prodotta da Roan Johnson, regista nato a Londra ma trapiantato in Italia, dove ha già diretto I Primi della Lista e un episodio dell’apprezzato 4-4-2 – Il gioco più bello del mondo. Il cast della pellicola è composto da Alessio Vassallo, Paolo Cioni, Silvia D’Amico, Guglielmo Favilla, Melissa Anna Bartolini, tutti giovanissimi attori con un background altamente specializzato, provenienti dal teatro e dalla fiction. In Fino a Qui Tutto Bene c’è anche Isabella Ragonese, a supportare i giovani attori interpretando una piccola parte.

Il film, che è ha il brio di una storia giovanile, condita però dalla malinconia del tempo che scorre, si concentra su cinque ragazzi, che alla fine degli studi universitari dovranno abbandonare quella casa condivisa, cornice di tanti ricordi e di esperienze indimenticabili. Fino a Qui Tutto Bene, infatti, ritrae Vincenzo, Cioni, Ilaria, Andrea e Francesca, ormai ex-studenti, nei loro ultimi tre giorni di convivenza, che cercano di lasciar fuori la tristezza dell’addio per un futuro ormai imminente e completamente diverso, dove le responsabilità dovranno essere messe prima di qualsiasi divertimento o spensieratezza.

fino a qui tutto beneFino a Qui Tutto Bene, come ammesso dallo stesso regista Roan Johnson, è: «Un Film sull’amicizia, girato e prodotto proprio grazie agli amici, alcuni professionisti del settore e altri non. Non ho voluto aspettare la classica macchina produttiva, quindi abbiamo deciso di fare da soli, puntando in alto ». Per l’appunto, la pellicola è stata auto-prodotta, con il supporto di D-Vision Italia e la partecipazione della Toscana Film Commision, avvalendosi anche della partecipazione di Studio Flu e di Net7. Il film è nato dall’idea di raccontare la fine ma anche l’inizio di un periodo complesso, irripetibile e ricco di insicurezze, pur sempre difeso dalla ”scusa a termine” dello studio, dove, per certi versi, qualunque decisione o consapevolezza può essere rimandata. Dunque, il risultato, è proprio un film libero da schemi, dove tutte le maestranze hanno partecipato con sentimento e passione, rispecchiando lo spirito dei ragazzi protagonisti del film, in attesa di un futuro quanto mai incerto e non proprio rassicurante, pur senza arrendersi mai.

Damiano Panattoni

Guarda il trailer di Fino a qui tutto bene!

Nessun Articolo da visualizzare