IN MOSTRA A MILANO TUTTO IL MONDO DI TOLKIEN

«Se vi piacciono i viaggi di andata e ritorno fuori del confortevole mondo occidentale in modo di andare oltre il Confine delle Terre Selvagge e poi tornare a casa, e pensate di poter provare un certo interesse per un umile eroe (dotato di un pizzico di saggezza, di un po’ di coraggio e di una quantità considerevole di fortuna), ecco la storia di questo viaggio e di questo viaggiatore… ». Così John Ronald Reuel Tolkien nel risvolto di copertina della prima edizione inglese di Lo Hobbit (1937). Se volete proseguire questo viaggio accanto al signor Bilbo Baggins tra draghi, elfi e orchi, non potete perdere l’appuntamento con la mostra milanese La magia dell’Anello (aperta fino al 22 marzo a Wow Spazio Fumetto in viale Campania 12) che mischia mirabilmente avventure letterarie e cinematografiche degli Hobbit: edizioni rare, dipinti, illustrazioni, tavole originali, fotografie, manifesti cinematografici, locandine, fotobuste, video, statue, action figures, videogames, i magnifici giochi da tavolo illustrati di Giochi Uniti, gadget, libri, fantastici plastici realizzati con migliaia di mattoncini LEGO e molto altro, tra cui un corso di scrittura elfica e una statua a grandezza naturale di Gollum! Si sono messi in tanti per regalarci questa Mostra (curata da Riccardo Mazzoni, Ninni Dimichino e Davide Martini e realizzata da WOW Spazio Fumetto, Museo del Fumetto di Milano, Spazio Excalibur e Fermo Immagine-Museo del Manifesto Cinematografico, in collaborazione con la Società Tolkieniana Italiana, il Greisinger Museum e DAMA Collection) che ha altre chicche. Come i disegni realizzati per illustrare un’edizione danese di Il Signore degli Anelli da Sua Maestà Margherita II di Danimarca (che si firmava Ingahild Grathmer), grande appassionata di Tolkien: «Colpì subito la mia immaginazione. Non riuscivo a smettere di leggerlo, una volta finito, dovevo iniziare da capo a leggerlo. L’ho letto quasi dieci volte e per ben due volte ho letto l’intera trilogia ad alta voce a mio figlio, il principe Joachim e a suo fratello maggiore, il principe ereditario Frederik », ha raccontato la sovrana che il 16 aprile del 2010 ha nominato “Cavaliere della Bandiera Danese” Viggo Mortensen, l’attore (per metà danese) interprete del ruolo di Aragorn nei film di Peter Jackson. E proprio i sei film del regista neozelandese hanno grande spazio nella Mostra. Di Jackson ci ha divertito la definizione che ne danno Andrea Monda e Saverio Simonelli nel loro libro Gli Anelli della Fantasia (Frassinelli, 2004): «A vederlo, fisicamente, Jackson sembra un Hobbit. A vedere i risultati si potrebbe anche dire che degli Hobbit Jackson ha non solo la stazza, ma anche la virtù della tenacia e della fedeltà. Il talentoso film-maker è riuscito a realizzare un piccolo miracolo: fare di questi film un grande spettacolo senza tradire lo spirito del romanzo ». Un’altra cinecuriosità della Mostra milanese sono i Fanfilm, sorprendenti pellicole realizzate dagli appassionati della saga tolkieniana: c’è tanta bravura e tanta passione.

di Giacomo Airoldi

Guarda la gallery!

 

 

Nessun Articolo da visualizzare