Pretty Little Liars 7: il ritorno di Jenna segna la sua vendetta contro le liars

Il ritorno di
Tammin Sursok sul set della serie più seguita di
Freeform, è stato annunciato già alcuni mesi fa, e si è concretizzato a tutti gli effetti nel quinto episodio di
Pretty Little Liars. Se inizialmente il personaggio di Jenna aveva cercato di giustificare il suo rientro a Rosewood con la scusa dell’imminente matrimonio di
Toby, ora è chiaro che essa abbia in mente qualcosa di pericoloso: l’abbiamo infatti vista confabulare chissà quali macchinazioni contro le liars in compagnia degli altrettanto ritrovati
Sara Harvey e Noel Kahn, assoldati per la sua vendetta ora che – a detta della Sursok – il personaggio di
Jenna è più consapevole e maturo grazie al salto temporale avvenuto nella sesta stagione, dunque in grado di prendersi la sua rivincita.
“Sono sempre stata considerata una cattiva, – ha dichiarato la Sursok, –
Mi è sempre stato detto che fossi cattiva, che fossi la mela marcia dell’insieme, ma secondo me Jenna non è mai stata cattiva: era la vittima”, chiosando infine,
“La settima stagione è il momento della rivincita: ora Jenna è padrona di sé, ce l’ha fatta, sa chi è, ed è il momento di combattere per questo”.

Insomma, il rendez-vous con la Harvey e Noel nella hall del Radley non poteva essere casuale, ma solo il primo passo verso la vendetta contro Aria, Spencer, Hanna, Emily e la più intrigante di tutte, Alison, che per anni hanno condizionato – oltre che per certi versi compromesso – la vita di Jenna a partire dalla celebre Jenna thing. Molto probabilmente, il team messo insieme dalla Marshall ha lo scopo di rendere più difficile l’esistenza delle liars, forse già svelando nei prossimi episodi alla polizia il segreto che esse stanno disperatamente cercando di nascondere sulla morte di Rollins.

In tutto ciò, però, dovranno anche fare i conti con il nuovo A.D., che tutto sembra – per ora – tranne non stare dalla parte delle bugiardelle!

Nessun Articolo da visualizzare