Spy Kids, in arrivo un reboot scritto e diretto da Robert Rodriguez

La fortunata saga di "Spy Kids" proseguirà con un quinto capitolo, ideato come reboot

Robert Rodriguez alla première di "Alita: Battle Angel" (Foto: Sthanlee B. Mirador/Sipa USA)

Skydance Media ha acquistato i diritti per la lavorazione di un reboot di Spy Kids, insieme ai produttori originali Spyglass Media Group e all’ideatore, nonché regista e sceneggiatore Robert Rodriguez. Rodriguez scriverà e dirigerà un nuovo film del franchise, che, secondo le prime fonti, ruoterà intorno alle attività di una famiglia multiculturale, molto similmente ai film originali.

Spy Kids è una serie spy comedy con protagonisti una famiglia di latinoamericani. Il primo film uscì nel 2001, con Antonio Banderas e Carla Gugino nei panni di due genitori ex spie in pensione. Quando i due vengono richiamati all’azione e catturati, i loro figli, interpretati da Alexa Vega e Daryl Sabata, scoprono la verità sul loro passato e decidono di intervenire per aiutare a salvare la situazione.

Il film fu un enorme successo: incassò circa 112 milioni di dollari e spianò la strada ad altri sequel. Il franchise è infatti proseguito con altri tre film, usciti nel 2002 e 2003 sempre scritti, prodotti e diretti da Rodriguez. Nel 2011 c’è stato un primo tentativo si sequel/reboot intitolato Spy Kids 4 e ora la casa di produzione Skydance ha intenzione di far ripartire la saga da reiventare in un nuovo sequel.

Rodriguez, i cui ultimi lavori sono Alita: Angelo della Battaglia We Can Be Heroes, è più che d’accordo nel far evolvere ulteriormente la saga, anche se dovrà farsi spazio in una fitta agenda di impegni: tra i prossimi lavori, infatti, ci sono già il thriller Hypnotic con Ben Affleck, e The Book of Boba Fett, spin-off dell’acclamata serie Disney The Mandalorian. L’idea di produrre Spy Kids 5 nasce proprio dal successo di We Can Be Heroes, gettonatissimo fin dal suo arrivo su Netflix lo scorso Natale.

Nessun Articolo da visualizzare