CIAK TI INVITA AL CINEMA A VEDERE “THE PROGRAM”, IL FILM SU LANCE ARMSTRONG!

Ciak ti invita gratis al cinema a vedere The Program, firmato dal regista di Philomena e The Queen, Stephen Frears, con Ben Foster, Chris O’Dowd, Dustin Hoffman, Lee Pace, dall’8 all’11 ottobre!

Dopo il successo di Philomena, Stephen Frears porta sul grande schermo il più convincente ed elettrizzante imbroglio sportivo dei nostri tempi: quello di Lance Armstrong. In The Program il regista racconta l’ascesa fulminea e la drammatica caduta del sette volte campione del Tour de France: scritto da John Hedge (candidato all’Oscar per Trainspotting) e basato sul best seller del giornalista del Sunday Times David Walsh, The Program è un thriller intrigante e spietato. E dall’8 all’11 potete vederlo gratis con Ciak! Basta cliccare su

http://theprogram.iovadoalcinema.it/index.php/attivita/home/ciak/?start=78979456413

e prenotare il vostro ingresso omaggio!

The Program Il mondo ha bisogno di eroi e Lance Armstrong è stato uno dei massimi eroi sportivi. Dopo una lunga ed estenuante battaglia contro il cancro, nel 1999 Lance tornò alla sua carriera ciclistica più determinato che mai a vincere il Tour de France. Con l’aiuto del famigerato medico italiano Michele Ferrari e del capo squadra Johan Bruyneel, sviluppò il programma di doping più sofisticato della storia di questo sport. Questo programma permise a Lance e ai suoi compagni di squadra americani di dominare il mondo del ciclismo, vincendo, senza precedenti, il Tour de France per ben sette volte. Tuttavia, non tutti credettero alla “favola”. Il giornalista del Sunday Times David Walsh, che in un primo momento fu affascinato dal carisma e dal talento di Lance, cominciò presto a chiedersi se “il più grande atleta del mondo” fosse “pulito”. Walsh cercò di scoprire la verità e intraprese una guerra con Armstrong che mise a rischio la sua carriera giornalistica, mettendogli contro l’intera comunità ciclistica. La battaglia costò al Sunday Times, la sua testata, centinaia di migliaia di dollari in spese legali. L’infaticabile Walsh finalmente riuscì a scoprire la verità e sebbene allora poche persone erano pronte a farsi avanti per parlare rivelò al mondo uno dei più grandi inganni dei nostri tempi.

The Program L’idea per The Program è nata quando il regista Stephen Frears si è imbattuto in una recensione del libro di Hamilton che lo ha molto incuriosito: «Tyler Hamilton, che ha corso insieme Lance, ha scritto un libro chiamato The Secret Race e ho letto una recensione »Â Ha quindi contattato immediatamente la Working Title, società con cui Frears aveva già girato quattro film con i produttori Tim Bevan e Eric Fellner. Bevan dice a tal proposito: «Stephen mi ha inviato un’email dicendomi che era davvero interessato alla storia di Lance Armstrong e che stavano uscendo diversi libri sull’argomento ». John Hodge è stato ingaggiato per scrivere la sceneggiatura con un breve preavviso, riferisce il produttore: «John impallidì quando gli dicemmo che la prima bozza doveva essere pronta in quattro settimane, ma riuscì nella sfida ». Hodge confessa che è stato ingaggiato per caso. «La Working Title stava cercando uno sceneggiatore e un produttore che si intendessero di ciclismo e questo non è di certo il mio caso – vado al lavoro in bicicletta, tutto qua, tanto per rendere l’idea » Ma la storia era incentrata su molto più che il mondo del ciclismo: «Mi è stato subito chiaro che si trattava di un fenomeno moderno che valeva la pena di portare sul grande schermo. Gli elementi di lotta personale, l’ascesa e la caduta, la globalizzazione, lo sfruttamento dei mezzi di comunicazione; tanti aspetti della moderna vita sportiva e della celebrità; e il pubblico che ha bisogno di eroi e che viene deluso. Tutti questi aspetti, rendevano per me il progetto molto interessante ».

The Program Non è stato un progetto facile per Frears data la complessità della materia, ed egli stesso spiega: «ho dovuto fare un corso accelerato … non sapevo nulla di ciclismo né di Lance. Inoltre i miei amici e consulenti erano ossessionati dai dettagli. Ricordo che lo stilista Paul Smith mi disse: bene, spero che tu abbia imparato qualcosa sulle biciclette o almeno sulle livree dei ciclisti. C’era effettivamente molto da imparare ». David Walsh è stato molto contento del livello di accuratezza e attenzione al dettaglio fin dalle fasi di preparazione del film. «Quando guardo un film sullo sport, ne resto sempre deluso perché sembra sempre come se non avessero capito nulla di quello sport o comunque non riescono a trasmetterne l’essenza. Ma in quest’opera si assiste ad un ritratto decisamente autentico e realistico del gruppo di ciclisti di una squadra e delle dinamiche interne al gruppo stesso. Ne sono stato davvero felice perché come giornalista ritengo importante essere precisi e autentici. Ho percepito che la produzione fosse molto attenta a questo aspetto ».

The Program Era chiaro che trovare un attore speciale per interpretare Lance Armstrong fosse essenziale. Tracey Seaward ricorda: «Stephen ha detto fin dall’inizio che avrebbe fatto il film solo se avesse trovato l’attore giusto per interpretare Lance altrimenti non avrebbe avuto senso ». Il Casting Director Leo Davis ha subito pensato a Ben Foster: «a Leo fu chiaro immediatamente che Ben Foster fosse l’attore perfetto. Lo incontrò a New York per assicurarsi che avesse il fisico giusto, la muscolatura di Lance, la sua fisionomia … il fisico di Ben ha subito molti cambiamenti durante le riprese ».

 

Nel cast di The Program, che uscirà nelle sale italiane l’8 ottobre, anche Chris O’Dowd, Dustin Hoffman, Lee Pace, Jesse Plemons, Elaine Cassidy, Guillaume Canet, Laura Donnelly.

Guarda il trailer!

Scorri la gallery!

 

Nessun Articolo da visualizzare