“A Ciambra” è il candidato italiano al Premio Oscar

A Ciambra di Jonas Ash Carpignano è il film candidato per l’Italia alla selezione del Premio Oscar per il miglior film in lingua non inglese: l’annuncio è arrivato oggi dalla commissione di selezione istituita presso l’Anica composta da Nicola Borrelli, Cristina Comencini, Carlo Cresto-Dina, Felice Laudadio, Federica Lucisano, Nicola Maccanico, Malcom Pagani, Francesco Piccolo.

L’annuncio della cinquina per il miglior film straniero è previsto per il 23 gennaio 2018, mentre la cerimonia di consegna degli Oscar si terrà a Los Angeles domenica 4 marzo 2018. Una grandissima possibilità per un film eccezionale, un vero e proprio outsider ambientato a Ciambra, una piccola comunità rom stanziale in Calabria.

il regista Jonas Carpignano (foto di Pietro Coccia)

Il protagonista è Pio Amato, un ragazzino che cerca disperatamente di crescere in fretta. Ha quattordici anni e già beve, fuma ed è uno dei pochi a scivolare facilmente tra le fazioni delle regioni: gli italiani locali, gli immigrati africani e i suoi compagni rom. Pio segue così il fratello maggiore Cosimo ovunque, imparando da lui come cavarsela nella vita per le strade della loro città. Quando però Cosimo scompare e le cose cominciano ad andare per il peggio, Pio cercherà di dimostrare di essere pronto a fare a sostituire il fratello maggiore. Adesso Pio deve decidere se è davvero pronto a diventare un uomo.

Nato come corto alla Semaine de la Critique nel 2014, A Ciambra rinasce come lungometraggio e ha sorpreso lo scorso maggio la Quinzaine des réalisateurs dove ha vinto il Premio Europa Cinemas Label come miglior film europeo. Sostenuto da Martin Scorsese, A Ciambra conduce dentro il cuore di una comunità stanziale in Calabria rimandando per alcuni versi al lavoro sulla comunità Yenishe di Jean-Charles Hue in Francia, per altri ai fratelli Dardenne.

Nessun Articolo da visualizzare