IGINIO STRAFFI AL XVII FUTURE FILM FESTIVAL: DALLE “WINX” A “ROYAL ACADEMY”

Iginio Straffi, papà delle Winx, magnate dall’animazione e fondatore di quella fabbrica di sogni italiana di nome Raimbow, è stato uno dei personaggi che ha animato il XVII Future Film Festival di Bologna (5-10 maggio). Peccato che Ali Folman, regista di Valzer con Bashir, abbia annullato la sua presenza all’ultimo per motivi famigliari. Ma veniamo a noi. Straffi ha raccontato, nella sala Mastroianni del Cinema Lumiere, la sua avventura: dagli esordi alla nascita di quel gioiello ormai conosciuto in tutto il mondo e segnato dalle fatine alate che fanno letteralmente impazzire le ragazzine. Le Winx sono trasmesse dalle tv di 150 paesi e sono arrivate all’undicesima stagione.

Che cosa ci si aspetta ora da colui che ama Sergio Leone, Corto Maltese e Ken Parker, da colui che ha dato una scossa all’animazione italiana dopo il vuoto seguito da quel periodo, segnato da La gabbianella e il gatto e La freccia azzurra, che si auspicava di rinascita? Un film live sulle Winx. «Ci stiamo lavorando – afferma Straffi – stiamo cercando i partner giusti per poter realizzare un prodotto all’altezza di certi standard e che abbia un target differente ». Avrà degli sconfinamenti dark alla Maleficent? Dunque dopo le serie tv, i tre film d’animazione, i musical e il parco di divertimenti Rainbow Magicland a Roma, le Winx avranno una nuova anima. E le novità non sono finite qui. Dopo un altro grande successo come Mia & me Straffi investe in un’altra serie tv: «Mi piace investire e continuare a far sognare », afferma il CEO della major marchigiana. L’anno prossimo arriverà Royal Academy che si ispira in chiave moderna alle favole. Â«È da 5/6 anni che ci stiamo lavorando, la serie sarà pronta per l’inizio del 2016 – racconta Straffi – abbiamo in mano un prodotto strepitoso. Ho avuto la stessa sensazione di quando ho visto per la prima volta le Winx ». Dunque il successo è assicurato.

Emanuele Bigi

Nessun Articolo da visualizzare