I 12 comandamenti Green del Festival di Cannes 2021

La kermesse francese si impegna a favore dell'ambiente

Festival di Cannes
Festival di Cannes

“The Time has Come”, non c’è tempo da perdere per vincere la sfida posta dalla crisi ambientale. Consapevole di ciò, e decisa a fare la propria parte, l’organizzazione del Festival di Cannes ha stilato una sorta di dodecalogo, dichiarando i dodici comandamenti Green che informeranno la sua politica e la sua storia a venire.

Cancellato il Festival di Cannes 2020

Uno per ciascuno dei dodici giorni previsti per lo svolgimento della prossima edizione, attualmente in programma dal 6 al 17 luglio 2021. Un passo avanti su una strada già intrapresa negli anni scorsi, con una serie di scelte Green che hanno progressivamente ridotto la propria Carbon Footprint, ossia la quantità di emissioni di gas serra causate nel corso – e nella preparazione – della manifestazione

Cannes 2020 Special: il festival torna alla Croisette ad ottobre

“La sfida è enorme, ma vogliamo e dobbiamo farcela, ogni anno un po’ di più, ogni anno un po’ meglio – hanno dichiarato il Presidente Pierre Lescure e il Delegato Generale Thierry Frémaux. – Oggi, stiamo facendo un importante e molto ambizioso passo. La 74ma edizione del Festival di Cannes annuncerà il futuro“.

Non tutto potrà esser fatto immediatamente, ma dalla Croisette assicurano che forniranno aggiornamenti costanti in merito. Soprattutto dopo ogni edizione del Festival, anche per aggiustare il tiro e migliorare il processo.

Che parte da questi dodici punti:

1) Una flotta di auto ufficiali composta per il 60% da veicoli elettrici o ibridi. Veicoli appartenenti alla flotta esistente che verranno riutilizzati.

2) Riduzione del 50% della stampa su carta grazie alla continua dematerializzazione delle pubblicazioni, alla riduzione delle tirature e alla distribuzione personale in loco. La pubblicazione più emblematica del Festival, il Programma ufficiale, sarà disponibile online per tutte le persone accreditate e un abbonamento per la versione stampata sarà distribuito a partire da metà maggio.

3) La totale eliminazione delle bottiglie d’acqua in plastica (oltre 22.000 nel 2019).

4) Una riduzione del 50% del volume complessivo di tappeto rosso utilizzato, già completamente riciclabile e riciclato.

5) Riduzione del 24% del volume di moquette utilizzato nelle aree Village International.

6) Ristorazione responsabile: ogni ristoratore rispetterà le specifiche date, incoraggiando l’uso di circuiti locali e prodotti freschi di stagione, offrirà alternative vegetariane e lotterà contro gli sprechi, limitandoli.

7) Mantenimento di un tasso di recupero dei rifiuti superiore al 95% (Nel 2019 è stato recuperato il 99% delle 250 tonnellate di rifiuti: l’81% nel recupero materiale e il 18% nel recupero energetico).

8) Partecipazione con un contributo ambientale del Festival a compensare la Carbon Footprint dell’evento (preparazione e montaggio, mezzi tecnici, etc).

9) Sensibilizzazione alle azioni eco-responsabili in tutto il team organizzativo, gli espositori del Marché du Film, i fornitori di servizi e le persone accreditate.

10) Nomina di un comitato scientifico di esperti indipendenti per selezionare programmi di compensazione affidabili e pertinenti.

11) Incentivazione alla mobilità dolce grazie a un pass per l’accesso ai trasporti pubblici della Città di Cannes, su presentazione del badge di accredito.

12) Contributo di 20 € (IVA esclusa) da parte dei partecipanti al Festival per compensare la Carbon Footprint relativa ai loro viaggio e alloggio.

Nessun Articolo da visualizzare