“LA TEORIA SVEDESE DELL’AMORE”: LA CLIP IN ESCLUSIVA

«Come può una società perfettamente sicura e organizzata generare tanta insoddisfazione?»: è questa la domanda che si pone il regista italo-svedese Erik Gandini, già autore di Videocracy, punto di partenza del suo nuovo documentario La teoria svedese dell’amore, in sala da giovedì 22 settembre, distribuito da Lab 80 film. Narrato in italiano dalla voce dello stesso Gandini, il film è un viaggio nei buchi neri della società più indipendente del mondo, quella svedese: sistema perfettamente organizzato in cui obiettivo primario è l’autonomia totale di ogni persona dalle altre. Un modello sociale realizzato, che si va affermando in tutto l’Occidente e in cui all’indipendenza dei singoli si accompagnano solitudine e svuotamento delle relazioni.

Sin dagli anni Settanta, grazie alla pianificazione a tavolino da parte dell’élite politica di allora, la Svezia ha generato cittadini liberi da qualsiasi dipendenza: gli adolescenti dai genitori, le mogli dai mariti, gli anziani dai figli. Oggi quella svedese è una società in cui sempre più vite si snodano in modo solitario, in cui nessuno ha bisogno di chiedere sostegno ad altri e in cui il senso di comunità sembra smarrito. Gandini racconta anche alcuni tentativi di resistenza: quello dei gruppi di giovani che si ritirano nelle foreste per condividere emozioni e contatto fisico; quello di un medico di successo che emigra in Etiopia dove, nonostante operare e curare sia un’impresa ai limiti dell’impossibile, ritrova il senso di comunità. Al termine del film un contributo del sociologo Zygmunt Bauman, che spiega come l’assenza di problemi non sia di fatto in grado di generare esistenze felici.

«Il mio è un film provocatorio – spiega il regista –, mi sono focalizzato sulle ombre che esistono nel sistema sociale svedese, il più individualista al mondo. Mi piace mettere in discussione le idee più indiscutibili e questo modello di società in Svezia è assolutamente intoccabile. L’obiettivo del mio lavoro è insinuare un dubbio: se l’ossessione per l’autosufficienza e il mito dell’autonomia dell’individuo si rivelassero essere una strada a fondo chiuso?»

In attesa di giovedì date un primo sguardo a La teoria svedese dell’amore!

Nessun Articolo da visualizzare