INCOMPRESA

In sala dal 5 giugno

Italia/Francia, 2014 Regia Asia Argento Interpreti Giulia Salerno, Charlotte Gainsbourg, Gabriel Garko Sceneggiatura Asia Argento, Barbara Alberti Produzione Lorenzo Mieli, Mario Gianani Distribuzione Good Films Durata 1h e 49′ www.incompresailfilm.it

IL FATTO — Aria (Giulia Salerno) ha 9 anni, un’intelligenza vivida, occhioni blu e bellissimi capelli biondi che decide di tagliare, perché «così io e la mia migliore amica siamo uguali ».
Vive a Roma nel cuore degli Anni ’80 con la mamma (Charlotte Gainsbourg), pianista eccelsa e nevrotica, e il padre (Gabriel Garko), attore privo di talento ma d’irrinunciabile bellezza per lo showbiz. Ha due sorellastre, una odiosa e cicciona, l’altra prona al fascino materno.
La famigliola è polarizzata sugli egocentrismi dei genitori, troppo instabili per evitare una separazione violenta e assai dolorosa agli occhi di Aria: la bimba è palleggiata tra i due, incuranti e incapaci di amarla quanto e come lei desidera. Spesso si trova solitaria a vagare per la città insieme al suo gatto nero e uno zainone a strisce. Proverà a fregarsene facendo leva su risorse estreme e sulla fervida immaginazione che le consente una felicità onirica, ma la sua voglia d’amore non glielo permetterà, portandola a gesti inattesi…
L’OPINIONE —  Lavoro personalissimo, come del resto i precedenti della sua filmografia, la nuova pellicola di Asia Argento si presenta dichiaratamente come «un album di ricordi ».
Accanto alla propria esperienza, le fonti d’ispirazione sono Bergman «per le strutture drammaturgiche » e, soprattutto, Truffaut «per il rapporto tra la bambina e la città ». La libera mescolanza dei tre punti di contatto è evidente in Incompresa, film disancorato dai cliché e invece perfettamente in linea con la ferma volontà di creare ab origine qualcosa di diverso, leggero ma struggente, ironico ma malinconico. Il punto di vista di Aria è coerente, i suoi percorsi infiniti alla ricerca di un Amore mai avuto si ritmano al tempo di una colonna sonora strepitosa, parzialmente composta dalla stessa regista. Garko e Gainsbourg (entrambi sopra le righe) sono i veri “infanti” che la loro creatura di soli 9 anni tenta disperatamente di portare a maturazione. Da non perdere.
SE VIÂ È PIACIUTO GUARDATE ANCHE… Le opere precedenti di Asia Argento e I 400 colpi (1959) di François Truffaut. — Anna Maria Pasetti

Nella foto in apertura: Nicole Kidman (46 anni) e Tim Roth (53 anni).

Nessun Articolo da visualizzare