BOX OFFICE: “BRIDGET JONES’S BABY” SCAVALCA “ALLA RICERCA DI DORY”

L’attesa maggiore era per l’esito di Ben-Hur, blockbuster da 60 milioni di dollari, pesantemente bocciato sul mercato americano, dove ha totalizzato solo 26 milioni di dollari. Ebbene l’esordio italiano del remake del film Oscar anni Sessanta ha confermato un risultato modesto. Lanciato con 339 copie, nel primo giorno di programmazione, Ben-Hur ha incassato 46 mila euro, meno della metà rispetto al nuovo Woody Allen, Cafè Society, che, uscito con 4 copie in meno, ne ha totalizzati 105 mila.

Tuttavia in testa al box office, resistono a posizioni invertite rispetto a sette giorni fa, Bridget Jones’s Baby e Alla ricerca di Dory. Il primo ha incassato ieri 170 mila euro, per un totale già superiore a 2,5 milioni di euro; mentre la pesciolina con i 136 mila di ieri è arrivata sfiorare gli 11 milioni. Si avvicina invece al milione in totale I magnifici sette, ieri al quarto posto del box office con 50 mila euro di incasso. Ancora briciole per i film italiani: una commedia di taglio popolare come Al posto tuo, lanciata con 255 copie, ha rastrellato 34 mila euro, mentre, un film dalle più modeste aspirazioni commerciali, Indivisibili, con 122 schermi occupati, ne ha totalizzati 20 mila. Le uscite delle altre due novità italiane delle settimana sono difficilmente giudicabili per il limitatissimo numero di copie in programmazione: 14 per Le ultime cose, 5 per Liberami. Si spera, dopo l’esito di sabato e domenica, in un progressivo allargamento.

Nessun Articolo da visualizzare