Cannes: “Tanzanite”, il thriller futuristico al femminile

Diretto dalla cineasta svizzero-ruandese Kantarama Gahigiri il film è ambientato nel 2045 a Nairobi e racconta di una milizia di sole donne pronta a difendere la città grazie alle proprietà salvifiche della tanzanite.

Orange Studio ha appena presentato alla Fabrique Cinéma di Cannes Tanzanite, un thriller incentrato sulle donne e diretto dalla cineasta svizzero-ruandese Kantarama Gahigiri. Il film, si legge su Variety, è ambientato nel 2045 a Nairobi, Kenya, una città senza legge dove le temperature sono diventate pericolosamente alte e il governo ha imposto un coprifuoco per domare i disordini della birra. Un giorno, una brillante e vivace ragazza di 11 anni che lavora in una miniera illegale scopre una preziosa gemma di tanzanite, che si ritiene detenga l’anima della regione e offra speranza e protezione al suo portatore. Ma la scoperta della gemma scatena una lotta per possederla e sfruttarne i poteri, contrapponendo un leader di culto psicopatico e il suo esercito privato contro una milizia di sole donne e un detective alla fine della sua carriera.

Tanzanite è coprodotto da Urucu Media (The Wound, This Is Not a Burial, It’s a Resurrection) e Close Up Films (Sing Me a Song, The Swallows of Kabul), con sviluppo finanziamenti da Orange Studio e Migros in Svizzera. Il film è scirtto a quattro mani da Gahigiri e dal regista e sceneggiatore ruandese Kivu Ruhorahoza (“Gray Matter”), con il supporto della Realness African Screenwriters Residency.

Il film è ambientato all’indomani del cosiddetto “Grande Crollo”, che esamina l’Africa orientale attraverso l’obiettivo del cambiamento climatico e delle politiche economiche neoliberali, che stanno già mettendo a dura prova la regione di oggi. Gahigiri racconta a Variety di essere stata ispirata da varie influenze, tra cui le opere di scrittori come Aldous Huxley e il romanziere di fantascienza nigeriano Nnedi Okorafor, “Mad Max: Fury Road” ecc.

Ma al di là dei suoi tratti futuristici, Tanzanite è pensata per essere «un viaggio avvincente ed emotivo» su un detective di 36 anni, Machachari che, nonostante il suo aspetto indurito, è profondamente influenzato dall’ingiustizia e dalla violenza contro cui ogni giorno è testimone all’interno della sua comunità.

La regista è cresciuta tra Ruanda e Svizzera: «Sono stata fortunata perché avere due diverse prospettive diverse mi ha permesso di raccontare meglio ciò che vedo. Penso che mi permetta anche di avere un approccio più globale, obiettivo».

Nessun Articolo da visualizzare