Ancora Squid Game! Arrivano il mashup Disney …e il finale alternativo

Il creatore della serie Netflix svela come sarebbero andate le cose.

Nel mondo creato da Hwang Dong-hyuk per Squid Game tutto può cambiare in ogni momento, lo hanno imparato a loro spese gli spettatori – e i concorrenti – della serie Netflix dei record. Che avrebbe potuto avere un finale completamente diverso, come ha appena rivelato il suo ideatore e come vi sveliamo di seguito… se avete visto già lo show o non temete gli SPOILER!

Squid Game verso la seconda stagione, mentre Netflix acquista tre film di Hwang Dong-hyuk

Quanto a versioni alternative di Squid Game e dei suoi protagonisti, però, si segnala anche la divertente rilettura in chiave Disney di cinque di essi, forse i più importanti e rappresentativi. Dopo l’uscita dei Funko dedicati alla serie, è l’account Instagram @artplut a presentare ai propri follower il curioso mashup tra il Carl di Up e Oh Il-nam (n. 001) o Seong Gi-hun (n. 456) e Flynn Rider di Rapunzel, forse in vista del Disney+ Day. Loro e gli altri che trovate nella gallery che segue.

Squid Game, i fan si sfidano davvero nella clip di Netflix

Seguono SPOILER:

Come molti hanno visto in tv, la serie si concludeva con Seong Gi-hun ‘456’ (Lee Jung-jae) che sceglieva di non salire sul jet che lo avrebbe portato da sua figlia per vendicarsi invece di coloro che avevano progettato il gioco mortale. Una mossa controversa, che lo stesso Hwang Dong-hyuk ha svelato non essere l’unica ipotesi presa in considerazione per il finale di stagione

“In realtà abbiamo lottato tra due diversi scenari per il finale… C’era l’altro finale, alternativo, in cui Gi-hun saliva sull’aereo e partiva, e poi ovviamente quello in cui si voltava e camminava verso la telecamera. Ci siamo costantemente chiesti, è davvero giusto che Gi-hun prenda la decisione di partire e andare a vedere la sua famiglia, per perseguire la propria felicità? È davvero questo il modo giusto per proporre il messaggio che volevamo trasmettere attraverso la serie? Siamo giunti alla conclusione che non sarebbe stato così se fosse partito. La domanda a cui cerchiamo risposta è: perché il mondo è diventato quello che è adesso? Ed è così che alla fine abbiamo optato per quella conclusione”.

Nessun Articolo da visualizzare