Grease compie 40 anni: un evergreen sugli spensierati anni 50, tra musica, ballo e amore

Grease

Giubbotti di pelle e gonne a campana, code di cavallo e drive-in, bar dai colori sgargianti, automobili cromate e balli di fine d’anno. Gli spensierati anni Cinquanta, che in Tv approdavano con Happy Days, esplosero sul grande schermo con Grease – Brillantina, favola in forma di musical destinata a divenire un film di culto.

Grease

Era il 1978 e John Travolta, reduce dal grande successo de La febbre del sabato sera, era ormai una vera e propria icona, pronto a sostituire nell’immaginario giovanile sia Henry Winkler che Patrick Swayze, inizialmente scelti per il ruolo di Danny Zuko. A Carnevale
ci si vestiva come lui e come Sandy, strizzandosi negli attillatissimi pantaloni di pelle nera che nella scena finale del film erano stati cuciti addosso a Olivia Newton-John, mentre lei cantava You’re the One That I Want durante un balletto che tutte le ragazzine dell’epoca hanno studiato passo per passo. La colonna sonora dell’omonimo musical del 1971 di Jim Jacobs e Warren Casey rimase al primo posto della classifica per diverse settimane e la canzone Hopelessly Devoted to You fu candidata all’Oscar. Dietro la macchina da presa c’era Randal Kleiser, che ci ha raccontato la storia di un inaspettato successo.

Grease

Era consapevole dell’enorme potenziale di Grease?
Sinceramente no. Eravamo tutti convinti di realizzare un teen movie che sarebbe durato al massimo un’estate. E invece è andata diversamente: il film viene continuamente riscoperto
dalle nuove generazioni. Questo perché racconta personaggi universali, ragazzi che è possibile trovare in ogni liceo: lo studente più ammirato, il nerd, il buffone. Anche la ricerca dell’amore è un tema universale. Potevamo contare su canzoni meravigliose, una fantastica
colonna sonora. E poi avevamo John Travolta e Olivia Newton-John.

Perché ha scelto proprio loro?
Avevo lavorato con John l’anno prima nel film per la tv The Boy in the Plastic Bubble. È stato lui a volere me. Olivia invece l’ho incontrata a una festa e l’ho trovata perfetta per il ruolo di Sandy.

Continua a leggere l’intervista sul numero di Ciak di maggio!

Nessun Articolo da visualizzare