Ciak Bizarro: i libri da leggere durante le vacanze di Natale

Cosa ne sapete di titoli quali Un’anguilla da trecento milioni, L’assassino ha riservato nove poltrone, Dopo di che uccide il maschio e lo divora, Interrabang, Una jena in cassaforte, Il vizio ha le calze nere, Violent Shit-The Movie?.. Se la vostra risposta è “poco” o “niente” e siete interessati a esplorare il mare magnum (e anche le acque fetide) del cinema “giallo/thriller” italiano dal 1963 (anno di distribuzione del capostipite La ragazza che sapeva troppo di Mario Bava) al 2017, allora non potete lasciarvi sfuggire il volume “cine-enciclopedico” a cura di Claudio Bartolini “Il cinema giallo thriller italiano” (334 pagine, euro 24,50) fresco di stampa per l’editore Gremese: oltre quattrocento titoli considerati, dai classici di Bava, Argento, Fulci ai “trash pics” misconosciuti, tutti analizzati con la stessa puntigliosità e spesso con gustose digressioni aneddotiche-produttive. Una lettura gradevolissima specie durante i giorni di festa di questa “Holiday Season”.

Voltando pagina, presentiamo un altro libro di squisito interesse, ovvero Un comandante alla corte di Walt Disney- La carriera di Roberto De Leonardis leggenda del doppiaggio (edizioni Croce, 188 pagine, euro 15,00), il cui autore è Nunziante Valoroso, una vera autorità sul doppiaggio cinematografico italiano. In detto volume sono contenute tutte le informazioni (i ruoli e i nomi dei  grandissimi doppiatori, da Emilio Cigoli, a Pino Locchi, da Vittoria Febbi a Oreste Lionello, etc.) e le curiosità che hanno portato al successo i titoli non solo della vasta produzione disneyana (animata e live action), ma anche film leggendari che sono fondativi della storia del cinema e che hanno avuto il tocco magico di Roberto de Leonardis nei loro adattamenti italiani. Tra questi ultimi, ci limitiamo a citare almeno Via col vento (ridoppiaggio 1977), Arancia meccanica, Il padrino, L’esorcista, Apocalypse Now, Guerre stellari. Ma anche qualche “scult” come ad esempio L’Anticristo e Unico indizio una sciarpa gialla hanno beneficiato della supervisione ai dialoghi del grande “adattatore”.  Completa il volume un’appendice iconografica con i flani dei titoli più rappresentativi apparsi sui quotidiani dell’epoca.

Holy Socks, goduriose letture a tutti, Catecumeni Yeeeuuuch e mangiatori di film! Nella calza della Befana c’è ancora posto!

Nessun Articolo da visualizzare