American Horror Story 6: ufficiale, Lady Gaga nel secondo episodio di Roanoke

Sembrava impossibile – pensavano alcuni – che Lady Gaga potesse prestarsi ad un’introduzione a tal punto fugace e apparentemente insignificante com’è stata quella in cui si è manifestata nella seconda puntata di American Horror Story: Roanoke, eppure è tutto vero: le voci rimbalzate sul web, che davano per certa la presenza della cantante americana in alcuni frame del trailer ufficiale della serie rilasciato dopo la messa in onda del primo attesissimo episodio, avevano ragione. La figura vestita di stracci, sporca in volto, con gli occhi contornati di nero carbone e un piccolo cranio sulla testa come monile, era davvero lei.

L’abbiamo vista mentre si agitava rabbiosa dietro le spalle di Kathy Bates – altro personaggio dai contorni ancora piuttosto sbiaditi – fomentata dalle stesse parole della sua leader che aveva appena gridato un “Catturatela!” indicando nella direzione di Sarah Paulson (aka Shelby), nascosta tra i cespugli poco lontano.

Dopo la visione del secondo episodio, ci rendiamo conto di essere ancora oltremodo lontani dallo scoprire qualcosa di più sugli eventi che si stanno svolgendo intorno alla fattoria dei Miller. E poi, Lady Gaga sarà presente in tutta quanta la stagione? E’ davvero difficile dirlo, anche considerando il fatto che la sua è stata finora soltanto un’apparizione speciale, e la cantante ha affermato sui social di essere rientrata sul set soltanto recentemente, quando forse il cast e la troupe stanno girando la seconda parte della stagione per gennaio. D’altra parte, sembra che anche gli altri personaggi siano destinati a scoprire una parte di sé volta per volta, e questo spiega per quale ragione non abbiamo ancora alcuna idea su chi siano Kathy Bates o Wes Bentley, comparsi nuovamente a dir poco di sfuggita.

Una foto pubblicata da Lady Gaga (@ladygaga) in data: 9 Ago 2016 alle ore 10:43 PDT

Il secondo capitolo di Roanoke, insomma, è stato per ora una mera risposta agli stimoli avuti dai Miller nel primo scioccante episodio, e se dal trailer ufficiale del terzo vi aspettate di cogliere qualcosa in più, vi sbagliate di grosso: si ha l’idea che prima di essere accontentati con qualche risposta, Murphy abbia in serbo per noi un’attesa forse peggiore di quella che ci ha diviso dalla stagione precedente.

Se l’articolo ti ha interessato, leggi anche:

AHS: Evan Peters, Finn Wittrock e Denis O’Hare terrorizzati all’HHN

AHS 6: il tema della sesta stagione già in Murder House

AHS 6: easter egg che collega la sesta stagione ad American Crime Story

AHS 6: più American, più horror e meno Ryan Murphy