5 COSE CHE FORSE NON SAPETE SU “IL PONTE DELLE SPIE”

Il 16 dicembre esce in sala Il ponte delle spie, il nuovo film di Steven Spielberg che racconta la storia vera dell’avvocato di Brooklyn James B. Donovan (Tom Hanks) che, in piena Guerra Fredda, si trova a dover negoziare il rilascio di un pilota americano il cui aereo spia U-2 è stato abbattuto sopra l’Unione Sovietica.

Ecco 5 cose che ancora non sapete del nuovo film di Spielberg!

  • Il ponte delle spie è il primo film di Steven Spielberg da Il Colore Viola (1985) le cui musiche non sono state curate da John Williams (che è stato scelto come compositore per la colonna sonora di Star Wars-Il Risveglio della Forza, in uscita proprio in contemporanea con Il ponte delle spie, il 16 dicembre). Nel marzo 2015 a seguito di un lieve problema di salute è stato sostituito come compositore da Thomas Newman (Wall-e, Le Ali della Libertà).
  • Eve Hewson
    Eve Hewson

    È la quarta collaborazione dell’attore Tom Hanks con il regista Steven Spielberg: le precedenti sono Salvate il soldato Ryan (1998), Prova a Prendermi (2002) e The Terminal (2004). Riguardo al regista, Tom Hanks ha dichiarato: «Siamo molto amici: Steven è l’unica persona con cui riesco a sentirmi a mio agio anche senza scambiare una parola per un’ora di seguito. Non abbiamo un rapporto tradizionale da capo-impiegato. Quando lavoro per lui come attore collaboriamo. Ed è sempre aperto a nuove idee: ha una grande capacità di improvvisazione ». Nel ruolo di Carol Donovan c’è invece Eve Hewson, la figlia del leader della band U2 Bono Vox: aveva già recitato anche in This Must Be the Place di Paolo Sorrentino, nei panni di Mary, l’adolescente amica di Cheyenne/Sean Penn.

  • Nella cornice della crisi degli U-2 in piena Guerra Fredda la sceneggiatura, basata su eventi storici realmente accaduti, è stata scritta, oltre che da Matt Charman, anche da Ethan Coen e Joel Coen che hanno voluto raccontare in maniera introspettiva le vicende legate al pilota prigioniero, Francis Gary Powers, cercando di ritrarlo più fedelmente possibile.
  • Il ponte delle spie
    Tom Hanks

    Il ponte di Glienicke, un tempo linea di demarcazione tra Germania Est e Ovest, fu usato dall’Unione Sovietica e dagli USA come luogo ove avvenivano gli scambi tra le rispettive spie prigioniere. Da qui il soprannome “ponte delle spie”. Per le riprese del film, il ponte è stato chiuso al traffico per un intero weekend. Sul set si è recata anche la Cancelliera tedesca Angela Merkel.

  • Il regista Steven Spielberg è sempre stato interessato alle spy-story, in particolare ai film sull’agente segreto più famoso del mondo, 007. Prima di dirigere il Ponte delle Spie ha avuto modo di rivolgersi al produttore della serie di film su James Bond Albert R. Broccoli cercando di farsi affidare la regia di Solo per i tuoi occhi (1981). Il noto produttore però ha declinato l’invito perchè cercava solamente registi britannici per dirigere i film della saga.

Victor Venturelli

Leggi la recensione di Il ponte delle spie!

Nessun Articolo da visualizzare