CANNES VIRTUALE

Cinque minuti di trip, immersi in uno strano universo popolato da musicisti, imbonitori e strambi personaggi che si avvicinano fin quasi a toccarti. Superato il momento di eccitazione per i primi film in 3D stereoscopico proposti al più importante festival del mondo, Cannes quest’anno si affaccia anche sul mondo della realtà virtuale, non a caso piuttosto presente negli interstizi del programma, tra un film e un’intervista.

Al Majestic, per esempio, è possibile sperimentare Cockatoo Spritz, cortometraggio in realtà virtuale diretto da Stephane Barbato, esplorabile a 360° con l’audio che segue i movimenti del corpo e cambia man mano il centro di attenzione. Un assaggio accattivante che sfrutta suggestioni cinematografiche che uniscono i Lumiére, Fellini e atmosfere alla Lubitsch, ma è penalizzato dall’imperfetta qualità visiva prodotta dal visore (un prototipo) StarVR. Il videogame Overkill’s the Walking Dead VR-experience (anch’esso sperimentabile al Majestic), invece, è tremendamente efficace. Chi è provvisto di sufficiente coraggio e curiosità deve accomodarsi su una sedia a rotelle, indossare il casco e lasciarsi trasportare in uno scenario post-apocalittico dove il terrore è dietro l’angolo, sotto forma di morti viventi pronti ad azzannarti.

Basta un attimo per dimenticare Cannes, la routine festivaliera, gli addetti dello StarBreeze Studios – che per rassicurare ripetono «Ricorda che è solo un gioco» – e sprofondare nel terrore grazie una tecnologia che inganna il cervello e ti fa credere di essere improvvisamente impegnato a esplorare delle stanze buie tra brandelli di carne umana. Io ne sono uscita in anticipo, un po’ tremolante e in preda alla nausea, con un fucile giocattolo in mano dopo aver sterminato un paio di zombie e aver capito perfettamente cosa significa «esperienza immersiva».

Il cinema di domani sarà la VR? Qualche indizio in questo senso c’è, e sicuramente per scoprirlo vale la pena approfittare delle occasioni proposte proprio quest’anno qui sulla Croisette, dove si potrà sperimentare anche Invasion! di Eric Darnell, narrato dalla voce di Ethan Hawke e concepito per immergere l’utente nelle disavventure di due extraterrestri. Oltre che assistere, lunedì mattina, al panel sul 3D Cinematic VR. In attesa del futuro…

Nessun Articolo da visualizzare