CHE FINE HA FATTO “FURY”?

Alla fine, Fury non è uscito: nonostante fosse annunciato fino ai giorni scorsi in distribuzione a partire da ieri, l’attesissimo war movie di David Ayer con Brad Pitt e Shia LaBeouf non ha visto la sala. La casa di distribuzione, la società Moviemax, è stata dichiarata fallita lo scorso 10 gennaio dal tribunale di Milano con conseguente congelamento di tutte le uscite in programma, a cominciare proprio da Fury: la distribuzione a questo punto risulta sospesa e probabilmente il film salterà il passaggio in sala per approdare sul mercato italiano solo in home video.

Fury, ambientato nell’aprile 1945, agli sgoccioli della Seconda Guerra Mondiale proprio mentre gli Alleati stanno lanciando l’offensiva finale in Europa, racconta la missione quasi suicida e dietro le linee nemiche di cinque soldati in un carro armato, capitanati dal veterano “Wardaddy” (Brad Pitt). Il film è uscito in tutto il mondo (con l’unica eccezione di Brasile e Repubblica Dominicana, dove uscirà il 5 febbraio) incassando più di 208 milioni di dollari.

Nessun Articolo da visualizzare