ELLE FANNING, IL LATO OSCURO DELLA BAMBOLA

Aveva cinque anni e l’aria da bambola quando mangiava dolci in L’asilo dei papà di Steve Carr, ora è una giovane donna che afferma la sua femminilità nell’horror cannibalistico di Nicolas Winding Refn The Neon Demon.  Elle Fanning, che ci guarda dritti negli occhi anche dalla cover di Ciak di giugno, abbandona la sua immagine infantile per risplendere di una bellezza più matura davanti alla macchina da presa del regista danese che le affida la parte di Jesse, una sedicenne che dalla Georgia raggiunge Los Angeles per tentare la carriera di modella. Ma la truccatrice Ruby le si presenta come amica per poi attrarla in un gioco pericoloso. «La bellezza non fa tutto. È tutto», risuonano le parole di The Neon Demon davanti all’immagine di Elle Fanning dalla bellezza plastica a tratti torbida come davanti a una video-installazione. Se Refn mette in luce il lato oscuro della bionda bambola dai tratti perfetti, altri registi preferiscono ancora Elle Fanning infantile, come quando viaggiava con i genitori Brad Pitt e Cate Blanchett in Babel o quando interpretava la stessa Cate Blanchett a sette anni in Il curioso caso di Benjamin Button. A 18 anni Elle Fanning è già un attrice affermata. Se Super 8 di J.J. Abrams, Maleficent nel ruolo della principessa Aurora e L’ultima parola – La vera storia di Dalton Trumbo consolidano la sua fama, l’attrice ha nove progetti di film in programma. 

About Ray di Gaby Dellal 

Elle Fanning porta in scena il dramma di un adolescente che non si sente bene nel suo corpo e vuole diventare uomo. Accanto all’attrice statunitense, Naomi Watts e Susan Sarandon completano il cast del dramma familiare che è stato presentato al Toronto film festival 2015 ma non è ancora uscito in Italia. 

All the bright places di Miguel Arteta

Tratto dal romanzo omonimo di Jennifer Niven, All The Bright Places racconta la storia d’amore tra una ragazza, Violet, che impara ad amare la vita ed un ragazzo, Finch, che invece, è desideroso di morire. Tra loro nasce un legame speciale e quando si incontrano in cima alla torre campanaria a scuola si scambiano una solenne promessa: smettere di subire passivamente l’inesorabile trascorrere dei giorni ed iniziare a viverli davvero. In uscita negli Stati Uniti nel 2017. 

How to talk to girls at parties di John Cameron Mitchell

Elle Fanning è ancora una volta adolescente, ma a Londra negli anni ’70. Tratto dall’omonimo racconto di Neil Gaiman pubblicato nella raccolta Fragile Things, il film vede l’attrice nelle vesti di una misteriosa ragazza che fa parte di un gruppo di aliene inviate sulla terra per preparare un rito di passaggio. Quando incontra Enn, un ragazzo desideroso di diventare punk e godersi al massimo la vita, scatta la passione. Previsto in uscita quest’anno. 

A Storm in the Stars di Haifaa Al-Mansour

Prima di essere l’autrice di Frankenstein, Mary Wollstonecraft era conosciuta come l’amata del poeta romantico inglese Percy Shelley. Elle Fanning rivive sul grande schermo quella intensa storia d’amore nel film scritto da Emma Jensen e diretto dalla regista saudita Haifaa Al-Mansour, al suo debutto al cinema in lingua inglese. In uscita quest’anno in Gran Bretagna. 

Ballerina di Eric Summer e Éric Warin

Elle Fanning presta la sua voce a Félicie, un’orfana adolescente, originaria della Normandia, che sogna di danzare al Teatro dell’Opera di Parigi nella Francia del 1884. Insieme all’amico Corentin fugge dall’istituto di accoglienza per raggiungere la capitale e provare a realizzare le proprie aspirazioni. Ma non è la prima volta che Elle Fanning si mette alla prova nel doppiaggio. Nel 2005 Elle e sua sorella Dakota interpretano rispettivamente i personagi di Mei e Satsuki in Il mio vicino Totoro, diretto dal maestro dell’animazione giapponese Hayao Miyazaki. Ballerina dalla firma franco-canadese uscirà quest’anno in Italia. 

La notte brava del soldato Jonathan di Sofia Coppola

Sofia Coppola dirige il remake di La notte brava del soldato Jonathan, il film diretto da Don Siegel nel 1971 con Clint Eastwood. È la storia di un soldato ferito durante la guerra di secessione che viene portato e curato in un collegio femminile. Fa parte del cast affianco a Elle Fanning, anche Kirsten Dunst, entrambe già dirette da Sofia Coppola: la prima in Marie-Antoinette, oltre a Il giardino delle vergini suicide, e la seconda in Somewhere.

Sidney Hall di Shawn Christensen

L’ascesa di Sidney Hall (Logan Lerman), un giovane autore di successo che scompare. È ancora difficile sapere che ruolo avrà Elle Fanning nel film previsto in uscita nel 2017. 

Live by Night di Ben Affleck

Loretta Figgis (Elle Fanning) è la figlia dello sceriffo e aspirante attrice negli Stati Uniti all’epoca del proibizionismo. Ben Affleck racconta la storia di figlio di un ufficiale di polizia che rimane coinvolto nella vita criminale della città, adattata dal romanzo The given day di Dennis Lehane.

Nessun Articolo da visualizzare