UNA REGISTA DI NOME KRISTEN STEWART

cafè societyA 26 anni arriverà sulla Croisette ormai come una grande star, ma Kristen Stewart guarda già oltre e punta alla regia. L‘attrice sarà a Cannes per due film, Café Society di Woody Allen e Personal Shopper di Olivier Assayas, ma intanto annuncia di voler girare un cortometraggio. Si chiamerà Wired e sarà prodotto da Refinery29, una piattaforma digitale interamente dedicata alla valorizzazione della figura femminile nel mondo. Il corto verrà inserito in un’antologia di dodici lavori, tutti diretti da donne e che avranno come tema comune l’esplorazione delle dinamiche del potere. La regista esordiente però non chiarisce ancora il genere di corto che intende realizzare, ma sicuramente non avrà niente a che vedere con quell’esperienza vicina alla morte che è stata Personal Shopper, tutto il tempo in giro per Parigi, come racconta a Vanity Fair. Kristen StewartKristen Stewart non sarà però l’unica attrice all’esordio dietro la macchina da presa.Tra gli altri nomi compaiono l’attrice e modella statunitense Chloe Sevigny con il suo Kitty oppure Gabourey Sidibe, protagonista di Precious (2009), e vista recentemente nelle serie Empire e American Horror Story, con il suo A tale of fuor women. Così, dopo il Cesar 2015 come migliore attrice non protagonista di Sils Maria, due titoli a Cannes e il debutto alla regia non assoceremo più Kristen Stewart alla Bella Swan di Twilight. Come Emma Watson dopo Harry Potter, Stewart si è liberata dell’eroina che combatte le forze oscure affianco al suo compagno vampiro. Da ragazzina delle favole a donna indipendente.