STORIE PAZZESCHE

Relatos Salvajes, Argentina/Spagna, 2014 Regia Damián Szifrón Interpreti Riccardo Darín, Oscar Martinez, Leonardo Sbaraglia, Erica Rivas, Rita Cortese Sceneggiatura Damián Szifrón Produzione Perdro e Augustín Almodovar, Esther García, Matias Mosterín, Hugo Sigman Distribuzione Lucky Red Durata 2h e 2′

In sala dall’

11 dicembre

Un assurdo inseguimento automobilistico fuori città, la vendetta contro un gangster finito nel ristorante sbagliato, la ribellione di un uomo che ha preso troppe multe, una festa matrimonio finita malissimo, un gruppo di passeggeri in aereo misteriosamente collegati l’uno all’altro. Proprio come in Gli amanti passeggeri, l’ultimo film di Perdo Almodovar che infatti produce questo film diretto dall’argentino Damián Szifrón e presentato in concorso all’ultimo Festival di Cannes. Storie di (stra)ordinaria follia che vede protagonisti chi si abbandona al piacere di perdere il controllo dando sfogo agli aspetti più ferini e brutali del proprio carattere.

Senza freni, ma anche senza una vera crudeltà, vanno in scena l’eccesso e il grottesco, la farsa, l’inverosimile e l’irrazionale, in un gioco di accumulo che rappresenta il punto debole dell’operazione. Dimenticate i mostri della commedia all’italiana, alla quale il regista dice di essersi ispirato, qui ci sono più tarantinismi di maniera che Monicelli e Risi e la voglia è solo quella si stupire spingendosi sempre più avanti, piuttosto che riflettere sulla barbarie umana nascosta sotto la superficie del socialmente accettabile. Il disagio dei personaggi esplode sullo schermo con risultati incontrollabili, ma il crescendo di questa corsa al massacro, capace di strappare senza dubbio molte risate, non riesce a toccare corde più profonde, e tutto evapora velocemente pochi minuti dopo la fine.

Alessandra De Luca