Red Sea Film Festival, Giuseppe Tornatore presidente di giuria

Il regista italiano presenterà il suo ultimo Ennio in Arabia Saudita.

Giuseppe Tornatore

Si avvicina la serata inaugurale della prima edizione del Red Sea Film Festival, in programma a Gedda dal 6 al 15 dicembre. Ma sarà dopo la proiezione evento del Cyrano di Joe Wright visto alla Festa del Cinema di Roma che inizierà il lavoro per il nostro Giuseppe Tornatore, chiamato a guidare la giuria come Presidente e che presenterà il suo ultimo Ennio – dedicato all’amico Morricone – fuori concorso, nella selezione International Spectacular.

Red Sea Film Festival, film e sezioni della prima kermesse Saudita

Nella giuria, Tornatore sarà affiancato dall’attrice egiziana e tunisina Hend Sabry (Asmaa, The Island), l’attrice e filmmaker palestinese-americana Cherien Dabis (Amreeka, May in the Summer), la regista e montatrice tedesca Daniela Michel (Eiszeit, When the Mountain Meets its Shadow) e il regista saudita Abdulaziz Alshlahei (Zero Distance, The Tambour of Retribution).

Queste le parole di Giuseppe Tornatore:

“È un onore unico e speciale essere chiamato a presiedere la giuria della prima edizione di qualsiasi festival, per non parlare del primo festival cinematografico internazionale che abbia mai avuto luogo in un Paese. C’è una selezione così forte di film in competizione, rappresentativi del miglior cinema proveniente dal mondo arabo, dall’Asia e dall’Africa. Sono sicuro che vedremo film davvero pionieristici e innovativi che senza dubbio plasmeranno il futuro del cinema internazionale”.

Le altre giurie:

A giudicare i corti della Red Sea: Shorts Competition sarà la giuria guidata dal regista egiziano Marwan Hamed (The Blue Elephant, El-Asliyyin, Lilly). E completata dall’attrice e regista saudita Ahd Kamel (Wadjda, Collatera, La sainteté) e dal regista e scrittore finlandese-somalo Khadar Ayderus (The Gravedigger’s Wife, The Night Thief).

Ennio, Giuseppe Tornatore celebra Morricone a Venezia 78

“Siamo entusiasti di annunciare le straordinarie giurie della nostra edizione inaugurale – ha dichiarato Edouard Waintrop, direttore artistico del RedSeaIFF. – Entrambe le giurie sono rappresentative della diversità di esperienze che vogliamo al Festival, oltre a essere un gruppo di registi, scrittori, attori e produttori di grande successo. Non vedo l’ora di vedere come le giurie lavoreranno insieme per onorare alcune delle innovative opere in ​​competizione”.

The Red Sea: Immersive strand, che presenta una selezione dei più recenti progetti internazionali in realtà virtuale (VR), sarà giudicata da un terzetto tutto al femminile, composto dall’artista d’avanguardia americana Laurie Anderson, Presidente di Giuria affiancata dalla regista vincitrice del BAFTA Victoria Mapplebeck e da una delle prime street artist saudite, Sarah Mohanna Al Abdali.

Nessun Articolo da visualizzare