Basil Hoffman, a 83 anni muore uno degli attori più prolifici e amati

Era in Gente comune e The Artist, diretto da Monicelli, Alan Pakula e Robert Redford.

Basil Hoffman

Oltre duecento ruoli interpretati tra cinema, televisione e teatro: quella di Basil Hoffman è stata una carriera unica e invidiabile, interrotta proprio nel momento in cui eravamo prossimi a vedere l’attore texano in almeno un’altra decina di film, tra annunciati e in produzione. A 83 anni ci ha lasciato uno degli attori più prolifici e dei volti più riconoscibili del cinema contemporaneo, a comunicare la triste notizia l’amico e agente Brad Lemack.

Addio a Roger Michell, a 65 anni muore il regista di Notting Hill

Dai film premiati con l’Oscar The Artist e Gente comune di Robert Redford a classici tv come Hill Street giorno e notte, Santa Barbara, Kojak, Colombo, Zero in condotta e MASH. Senza dimenticare le partecipazioni in Incontri ravvicinati del terzo tipo, Il cavaliere elettrico, L’ospite d’onore, Adorabile nemica, Ave, Cesare! o i ruoli non accreditati in Oltre il giardino o La mortadella di Mario Monicelli.

Prossimamente sarà protagonista nel film Lucky Louie, attualmente in post-produzione, per concludere idealmente una filmografia che lo ha portato a lavorare con 14 attori vincitori del premio Oscar, tra cui Dustin Hoffman, Liza Minnelli e Christopher Walken e grandi registi come Ron Howard e Steven Spielberg, Alan Pakula o Robert Redford.

Melvin Van Peebles, Spike Lee e altri ricordano il Padrino del cinema Black

Nato e cresciuto a Houston, Hoffman ha frequentato la Tulane University e si è laureato in economia. Trasferitosi a New York per perseguire il suo sogno di diventare un attore, qui studiò recitazione formandosi all’American Academy of Dramatic Arts. Inizialmente scelto per spot pubblicitari e piccoli ruoli, si è poi trasferito a Los Angeles dove la sua carriera è definitivamente decollata.

Appassionato insegnante di recitazione, Hoffman è anche autore dei libri “Cold Reading and how to be Good at it” e “Acting and How to Be Good at It”. Nel 2008 si recò a Beirut, in Libano, come inviato culturale del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti per insegnare recitazione e regia all’Academie Libanaise des Beaux-Arts.

Nessun Articolo da visualizzare