Cortinametraggio 2019, Barbara Bouchet: “Non fatemi parlare del film di Checco Zalone”

Foto di Leonardo Puccini

La consegna del silenzio è categorica anche per lei. Barbara Bouchet ospite d’onore della XIV edizione di Cortinametraggio non può rivelare nulla sull’attesissimo film di Checco Zalone. «Non fatemi dire nulla. Nono posso rivelare nessun dettaglio». Eppure sappiamo che il titolo italiano più attese del 2019 segna il debutto alla regia di Zalone e che le riprese si sono svolte a Malindi e a Nairobi. «Checco ha una comicità fantastica. Ci siamo divertiti molto sul set, anche se lui era un po’ teso perché non aveva mai diretto un film. Gli ho detto di non preoccuparsi perché al botteghino ha sempre ottenuto grandi risultati e poi solo lui poteva sapere cosa voleva veramente per il suo film». E sul backstage Bouchet rivela:«Quando sono arrivata lì mi hanno detto che uno dei camion della produzione dedicato a trucco e parrucco era rimasto bloccato alla dogana. Per fortuna io avevo tutto con me. Ho sempre voluto fare la parrucchiera!»

Occuparsi della bellezza degli altri sarebbe stato il piano B, ma Barbara ha cercato il successo nel mondo del cinema con grandi sacrifici. «Sono andata negi Stati Uniti. Facevo tutti i provini possibili e nel frattempo mi mantenevo con piccoli lavoretti. Sono stata anche una commessa in un negozio». Poi però il grande successo è arrivato e l’attrice ha finito per trovare l’America in Italia. «Ho girato tantissime commedie sexy negli anni ’60 e ’70, spesso i ruoli erano molto simili, ma quelli che ricordo di più sono altri film come Per le antiche scale e Tutti possono arricchirsi tranne i poveri». Ora però Bouchet vuole concentrarsi sul presente «anche se i ruoli per le donne della mia generazione sono pochissimi, ma continuo a lavorare. Presto a Roma girerò When in Love in remake di Vacanze Romane per Hallmark Channel e il sequel di Milano calibro 9». E chi la ferma più?

La gallery da Cortinametraggio: