Tre filmoni americani non sono sufficienti a frenare la progressiva, irreversibile diminuzione di presenze al cinema. Il fine settimana, con un clima decisamente estivo, ha favorito soprattutto le gite fuori porta e i biglietti complessivamente staccati fra giovedì 8 e domenica 11 giugno sono stati 610 mila. Alla luce di questi numeri, deve essere giudicato un risultato positivo l’esordio de La mummia, che, con 746 copie in programmazione, è stato visto da oltre 215 mila spettatori per un incasso di 1,5 milioni di euro. Si difende bene anche Pirati dei Caraibi-La vendetta di Salazar, che, alla terza settimana di programmazione, è ancora al secondo posto del box office settimanale e con i 914 mila euro rastrellati fra giovedì e domenica ha superato nel totale quota 10 milioni di euro. Più modesto l’andamento di Wonder Woman, 2 milioni di euro in dieci giorni, che da noi sta funzionando meno di quanto ottenuto in patria e nel resto del mondo. Ma alle spalle dei primi in classifica sono deludenti i numeri degli altri titoli in programmazione: fra le novità fanno segnare una malinconica media copia sia Quando un padre 104 mila euro all’esordio con 213 copie; Un appuntamento con la sposa 33 mila con 56 schermi occupati; Sognare è vivere 32 mila con 78 copie. Fra i film già in programmazione le perdite più contenute sono quelle di Tutto quello che vuoi, la commedia di Francesco Bruni, che, nonostante sia uscita orami cinque settimana fa, continua a resistere nella top ten del week end e si candida a diventare uno dei titoli di punta dell’ormai prossima stagione delle arene.

Hai letto questo?  INTERVISTA SOCIAL CON ROBERTA MATTEI!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here