1988 – BUON COMPLEANNO CIAK! – LE MIGLIORI COPERTINE DELL’ANNO

Chi erano i protagonisti delle copertine di Ciak nel 1988? Scopriamolo nella nostra nuova rubrica dedicata ai 35 anni del magazine!

Anche il 1988 regala film che, a modo loro hanno fatto la storia del cinema. Almodovar porta in sala Donne sull’orlo di una crisi di nervi, Jamie Lee Curtis impazzisce per lo spagnolo di Kevin Kline in Un pesce di nome Wanda e l’animazione si apre a nuovi orizzonti con l’arrivo di Chi ha incastrato Roger Rabbit. E come dimenticare Attrazione fatale? Si legge nella cover di Ciak con la “perfida” Glenn Close e Michael Douglas: “Il film che ha terrorizzato i mariti americani”… C’è poi Willem Defoe diventato il Nazareno nel vangelo secondo Martin Scorsese de L’ultima tentazione di Cristo, re delle polemiche al Festival di Venezia dove viene presentato Fuori Concorso.

Il 1988 è un grande anno anche per l’Italia. Prima di tutto perché L’ultimo imperatore di Bernardo Bertolucci conquista la bellezza di nove Oscar (qui sotto le pagine dedicate ai vincitori), tra cui miglior film e miglior regia, riconoscimento quest’ultimo mai assegnato a un italiano. C’è poi il grande ritorno di Carlo Verdone, con Compagni di scuola, da molti considerato il suo film più bello, ironico quanto amaro, di certo capace di toccare le corde più profonde di tutti gli spettatori.

E Benigni? Quell’anno fa il botto in coppia con Walter Matthau nello strepitoso Piccolo Diavolo, di cui è anche regista. Presentata alla Quinzaine des Réalisateurs del Festival di Cannes, l’avventura di Giuditta diventa da noi campione di incassi e Benigni si prende pure il Ciak d’oro come migliore attore. Il 1988 si chiude al meglio con l’arrivo nelle sale italiane di Nuovo Cinema Paradiso, che Ciak celebrerà in grande stile dopo la vittoria dell’Oscar nel ‘90.

Quell’anno il nostro giornale inizia a riconoscere alla tv il suo peso, tanto che una delle cover è per la diva del momento, miss tutta curve Francesca Dellera. Esplosa con Il Capriccio di Tinto Brass, viene scelta infatti per portare in tv La Romana, miniserie tratta dal romanzo di Moravia in cui era chiamata a interpretare il ruolo che nel 1954 fu della Lollobrigida. Un azzardo assoluto. E Ciak ha sempre guardato con simpatia alle imprese coraggiose.