Auguri CIAK! Le nostre cover più belle: era il 1998

Sul numero di agosto - in edicola - la seconda parte dello speciale che ripercorre i primi 35 anni di vita di Ciak attraverso le copertine più significative. Dalla prima tavola satirica in solitario alle cover del 1998.

Il 1998 segna uno spartiacque nel mondo del grande cinema americano. Perché c’è un prima e un dopo Titanic. Il film con Leonardo DiCaprio e Kate Winslet, diretto da James Cameron, diventa infatti “il più costoso della storia”, come scrive Ciak in copertina.

>>Leggi anche: CIAK, 35 anni nella storia del cinema

Con i suoi 200 milioni di budget, la storia d’amore tra Jack e Rose è un evento ancora prima di arrivare al cinema. In Italia viene proiettato per la prima volta il 16 gennaio e resterà nelle sale per oltre sei mesi. Tutti vogliono vivere l’emozione del naufragio di quel colosso ricostruito alla perfezione, senza dimenticare i fiumi di lacrime per il tragico finale… Titanic agli Oscar di quell’anno si porta a casa undici statuette (tra cui miglior film e miglior regia) su 14 candidature, ma è al botteghino che fa davvero il botto. L’incasso a livello mondiale è di un miliardo 850 milioni e 300 mila dollari, anche qui un record. Ma mentre per budget sarà superato da oltre una ventina di film (senza contare però l’inflazione), per box office è ancora al terzo posto, superato solo da Avatar e Avengers Endgame.

Il ’98 dunque è soprattutto Titanic (e nel corso dell’anno Ciak dedica una copertina a testa anche ai due protagonisti, sui quali in tutto il mondo si riversa una attenzione spasmodica), ma non è solo Titanic. Quell’anno Steven Spielberg ci porta con Tom Hanks e Matt Damon nel fuoco della Normandia in Salvate il soldato Ryan e Jim Carrey, diretto da Peter Weir, ci fa sentire tutti un po’ più vulnerabili davanti all’occhio del Grande Fratello con lo splendido The Truman Show.

Sempre nel 1998 i fratelli Coen mettono al mondo Il grande Lebowski, che diventerà però un cult soltanto con il passare del tempo. Terrence Malik gira La sottile linea rossa, Robin Williams diventa Patch Adams, Bruce Willis salva il mondo in Armageddon, Terry Gilliam mette insieme Benicio Del Toro e Johnny Depp per Paura e delirio a Las Vegas.

E occhio all’Italia. Giuseppe Tornatore incanta con La leggenda del pianista sull’oceano, tratto dal monologo di Alessandro Baricco, con Tim Roth protagonista e le musiche, sempre splendide, di Ennio Morricone. Nanni Moretti si presenta a Cannes con Aprile, Carlo Verdone torna con il Gallo cedrone, Ligabue si lancia alla regia di Radiofreccia e Aldo, Giovanni e Giacomo, forti del successo dell’anno precedente, bissano con Così è la vita.

Testo di Giuditta Targhini