Boris Johnson protagonista di una serie tv

Sarà il primo prodotto dell'accordo firmato tra Michael Winterbottom e Fremantle

Boris Johnson serie

Si intitola This Sceptred Isle, serie prodotta da Michael Winterbottom che racconta i punti chiave della vita politica e personale dell’attuale primo ministro britannico Boris Johnson, compreso il drammatico momento attraversato quando ha contratto il Covid.

Johnson è oltretutto in autoisolamento proprio da questa mattina, per essere stato a contatto con un deputato conservatore risultato positivo al virus.

This Sceptred Isle sarà il primo progetto dell’accordo appena siglato tra Fremantle e Revolution Films, la compagnia di Winterbottom. Il regista britannico è noto per film come Butterfly Kiss, Jude e Benvenuti a Sarajevo. Il contratto prevede lo sviluppo e la realizzazione di film e serie televisive, oltre che la successiva distribuzione a livello globale. Winterbottom aveva già annunciato This Sceptred Isle nello scorso giugno, sarà lui stesso dietro la macchina da presa e co-sceneggiatore insieme a Melissa Parmenter.

Michael Winterbottom ha dichiarato in merito all’accordo con Fremantle:

“Siamo molto felici di poter sviluppare i nostri prodotti cinematografici e televisivi con il nostro nuovo partner Fremantle. Vogliamo creare un ambiente in cui i registi possano avere la libertà di raccontare le storie che maggiormente li appassionano”

Andrea Scrosati, COO di Fremantle ha così commentato l’annuncio:

“Il nostro portfolio di prodotti sta crescendo grazie alle partnership creative che stiamo costruendo in tutto il mondo. Michael è un autore incredibilmente sofisticato e prolifico, la sua visione è una fonte d’ispirazione e ammiro la sua sfida continua allo status quo. SOno felice che lui e Melissa abbiano scelto Fremantle come partner creativo e non vediamo l’ora di sviluppare magnifici contenuti insieme.”

L’accordo con Michael Winterbottom e la sua Revolution Films si aggiunge alle prestigiose collaborazioni di Fremantle con autori del calibro di Pablo Larraín, Luca Guadagnino, Paolo Sorrentino e Neil Gaiman.