Box office: il mercato italiano è in progressivo declino

Un mercato in progressivo declino con incassi e presenze in picchiata rispetto allo scorso anno, ma anche alle ultime settimane. Fra giovedì 23 e domenica 26 novembre si è toccato il minimo rispetto ai risultati dell’ultimo mese. Solo 7,5 milioni di euro l’incasso complessivo contro una media che, fra ottobre e novembre, si era attestata attorno ai 10 milioni. Rispetto all’analogo fine settimane 2016 la perdita sfiora il 25%. Insomma ci sono buoni motivi di preoccupazione.

Venendo ai film, in testa al box office si conferma Justice League, che incassa 1,5 milioni di euro, portando il proprio totale a 5,2 milioni. Risultato soddisfacente, ma non entusiasmante, con una perdita di oltre metà degli spettatori rispetto al week end d’esordio. Nelle piazze d’onore si collocano due commedie italiane: Gli sdraiati, che rastrella quasi un milione di euro con 381 copie, e Caccia al tesoro, che totalizza 722 mila euro con 347 schermi occupati. Rispetto all’andamento dei film italiani usciti in questa stagione si tratta di un doppio esordio incoraggiante. A proposito di cinema italiano, da segnalare che, con gli incassi di questa settimana, The Place è diventato la produzione nazionale di maggior successo della stagione. Con quasi 4 milioni di euro, il film di Paolo Genovese ha superato La ragazza nella nebbia, che ha totalizzato finora 3,6 milioni.

Tornando alla novità del fine settimana, da segnalare i 543 mila euro incassati da Nut Job-Tutto molto divertente lanciato con 360 copie; i 535 mila di American Assassin con 283 copie; i 370 mila de Il domani fra di noi con 152 schermi occupati. Solo 171 euro per Detroit con 145 copie, a conferma della particolare difficoltà che sta attraversando il cinema di maggior impegno.