BOX OFFICE: “QUO VADO?” DA RECORD, 50 MILIONI DI EURO IN 10 GIORNI

50 milioni di euro in dieci giorni: è il risultato, al limite dell’incredibile, ottenuto da Quo vado?. Il film ha finora marciato alla media strabilante di 5 milioni di euro al giorno. Nel secondo week end, dove le presenze sono diminuite del 45% rispetto all’esordio, ha rastrellato altri 12 milioni: numeri semplicemente straordinari. Praticamente Zalone ha già bissato l’incasso di Sole a catinelle, che, a fine sfruttamento, totalizzò 52 milioni di euro. Ormai Quo vado? punta a battere il record assoluto degli incassi in Italia detenuto da Avatar, che arrivò a 65 milioni.

Ad ulteriore conferma del fenomeno, si consideri che nel week end Quo vado? è stato visto da un numero di spettatori, superiore al totale di tutti gli altri film in programmazione. E tuttavia il successo di Zalone non ha penalizzato la concorrenza, anzi, come spesso accade, si conferma la regola che le performance straordinarie di un film fanno bene a tutto il mercato, perché risvegliano la voglia di grande schermo. Si potrebbe anche pensare, almeno nel caso dei multiplex e delle multisale, che qualche spettatore, impossibilitato ad entrare nella sala dove era proiettato il film con Zalone, perché esaurita, abbia finito per scegliere qualche altra proposta. Sta di fatto che nel week end appena trascorso si segnalano anche i successi de Il piccolo principe, che ha incassato 1,8 milioni di euro, portando il proprio totale a 6,7 milioni; l’ottimo esordio de La grande scommessa, 1,7 milioni con la seconda media schermo dopo Quo vado?; il costante andamento de Il ponte delle spie, che, alla quarta settimana di programmazione, ha ancora superato il milione di euro per un totale di 9,4 milioni. Intanto Star Wars: il risveglio della forza, arrivato a 24,5 milioni di euro, si sta avvicinando all’incasso di Inside Out a cui dovrebbe presto strappare la seconda posizione del box office stagionale. Infine, niente male anche le partenze delle altre novità della settimana: in sei giorni di programmazione Macbeth, Carol e Assolo hanno tutti superato la soglia del milione.

Franco Montini