Fase 3, si torna al cinema senza mascherina

Riaperture graduali e stagione estiva all’aperto per riavvicinare gli spettatori al cinema e al teatro. Anche se le pellicole sono poche...

Dopo più di tre mesi, riaprono oggi le sale cinematografiche e i teatri italiani. Ma con le dovute precauzioni. Col nuovo decreto legge cade parzialmente l’obbligo di uso della mascherina ma dovrà essere utilizzata dagli spettatori solo per raggiungere il loro posto o quando vi si allontanano.

All’ingresso, potrebbe essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso qualora essa superi i 37,5°. Si segnala anche che eventuali indumenti e oggetti dovranno essere riposti nei guardaroba, protetti da sacchetti porta abiti.

Sarà inoltre possibile consumare cibo acquistato negli adeguati punti ristoro offerti dal cinema. Dovrà poi essere osservata la norma – in sala e fuori – del distanziamento sociale: l’occupazione delle poltrone dovrà garantire fra gli spettatori almeno almeno un metro di distanza (fatta eccezione per persone di uno stesso nucleo familiare o conviventi).

Per gli spettacoli al chiuso, il pubblico potrà contare fino a un massimo di 200 persone1000 se ci si trova all’aperto. Tutti gli ambienti, inoltre, dovranno essere frequentemente sanificati, (con la disponibilità in più punti di gel disinfettante per gli spettatori), favorendo anche il ricambio d’aria nelle zone chiuse.