Glee, addio all’attore Mark Salling

Addio a Mark Salling, il celebre Noah “Puck” Puckerman della serie tv Glee. Scomparso all’età di 35 anni, l’attore è stato trovato morto in un campo da baseball non molto distante dalla sua abitazione. Stando alle prime indiscrezioni, si tratterebbe di suicidio. Secondo il sito TMZ, l’attore si sarebbe impiccato. Dopo il successo mondiale ottenuto con lo show creato da Ryan Murphy, la carriera di Mark aveva subito un brusco stop. Nel dicembre 2015 infatti, in seguito a una perquisizione nella sua abitazione, Salling era stato arrestato con l’accusa di possesso di materiale pedopornografico: all’interno del suo computer erano state trovate centinaia di fotografie di minorenni. In seguito l’attore si era dichiarato colpevole ed era in attesa della sentenza definitiva, che sarebbe arrivata all’inizio di marzo 2018, con una pena compresa tra i quattro e i sette anni di prigione.

La morte di Salling è il secondo lutto prematuro che colpisce il cast di Glee. Nel 2013 l’interprete di Finn Hudson, Corey Monteith, morì a causa di un mix letale di eroina e alcol.