Harvey Weinstein: chi sono le star più celebri che lo accusano di molestie sessuali

Asia Argento, ma anche Rose McGowan, Gwyneth Paltrow, Angelina Jolie. Sono tantissime le attrici che negli ultimi giorni hanno denunciato di essere state molestate sessualmente dal produttore Harvey Weinstein. Una bomba esplosa da un’inchiesta del 5 ottobre scorso sul New York Times che ha raccolto le prime accuse dopo 30 anni di non detti non solo da parte delle vittime, ma anche dell’ambiente hollywoodiano, dove tutti sembravano conoscere le inclinazioni perverse del produttore di film pluripremiati come Sesso bugie e videotape, Pulp FictionGenio ribelle.

Ecco una sintesi delle attrici più celebri che hanno accusato il produttore. Gwyneth Paltrow, che con Shakespeare in Love prodotto proprio da Weinstein avrebbe poi vinto l’Oscar, ha raccontato ha raccontato di aver subito le sue attenzioni improprie a 22 anni, quando stava per interpretare il film Emma. Dopo l’episodio si era sfogata con Brad Pitt, all’epoca suo fidanzato, che ha confermato di aver affrontato personalmente Weinstein intimandogli di non toccarla mai più. Rose McGowan è stata una delle prime ad accusare Weinstein di stupro, dichiarando anche che Hollywood l’avrebbe confinata in una lista nera proprio per aver fatto trapelare la vicenda, con terribili ripercussioni per la sua carriera.

Rosanna Arquette è stata invitata da Weinstein ad un incontro di lavoro per visionare lo script di Pulp Fiction, ma il produttore l’ha accolta in accappatoio chiedendole un massaggio e dicendole che avrebbe fatto bene a non rifiutarlo. Il pretesto del massaggio, secondo molte accusatrici, era il classico modus operandi di Weinstein. Mira Sorvino ha dichiarato che il produttore ha tentato l’approccio fisico durante la promozione di La dea dell’amore, proprio con la scusa di un massaggio. Angelina Jolie invece subì le avances del produttore durante l’uscita del film Scherzi del cuore.

Asia Argento, dal suo account Instagram

Una delle principali accusatrici è Asia Argento, che ha raccontato di aver subito la violenza sessuale da parte di Weinstein a vent’anni, e di non aver raccontato prima il fatto per timore del produttore, che già per lo stesso motivo aveva fatto morire sul nascere diverse carriere. Sono quelle di tante donne aspiranti attrici di cui oggi non conosciamo i nomi, perché non sono mai diventate famose: ad alcune Weinstein ha messo i bastoni fra le ruote, altre hanno lasciato volontariamente il settore disgustate dall’esperienza. Così come meno noti sono i nomi delle tantissime impiegate della Weinstein Company che hanno subito le sue molestie. In tutto le vittime sarebbero circa 40.

Al coro di accuse però si sono unite anche Ashley Judd, Kate Beckinsale, Cara Delevingne, Léa Seydoux, Heather Graham, la modella italiana Ambra Battilana Gutierrez, l’attrice francese Judith Godrèche, Jessica Barthes.

Oggi Weinstein, dopo aver respinto ogni accusa di “rapporti non consenzienti” ma aver anche diffuso una lettera nella quale si scusa “per aver provocato tanto dolore”, si dichiara malato e si è rinchiuso in un rehab, ufficialmente per curare la sua dipendenza dal sesso. Intanto la compagnia che lui stesso ha fondato l’ha licenziato, ed è stato espulso anche dall’Academy. Per lui pare non esserci riscatto, nemmeno nella fantasia di un film.