“NATALE ALL’IMPROVVISO”: PREPARATEVI AL 25 DICEMBRE CON LA NOSTRA TOP 5

Siete pronti per il nuovo film delle feste di Jessie Nelson?Un cast stellare, un grande ritratto familiare, un’ironia smaliziata, e a tratti un po’ scorretta, vi metteranno senz’altro di buon umore!

Natale all'improvvisoEsce finalmente Natale all’improvviso di Jessie Nelson, il vostro film delle feste, in cui potrete riconoscervi nel personaggio che preferite: in John Goodman o Diane Keaton, separati in casa ma premurosi di trascorrere dei festeggiamenti sereni con tutti i componenti della famiglia; nella splendida Olivia Wilde, appena lasciata dal fidanzato, ma timorosa di dirlo ai genitori; nel simpaticissimo Ed Helms, che arriva al cenone di Natale dopo aver perso il lavoro ed essere stato mollato dalla moglie; in Marisa Tomei, nei guai con la polizia, o in Alan Arkin, che si è innamorato di una cameriera. Ma, per quanto sbertucciata, dentro di noi sappiamo bene che la famiglia è un rifugio dove aiutarsi a vicenda e farsi forza per guardare avanti.

Che cosa aspettate allora? Andate al cinema e immedesimatevi nei protagonisti di Natale all’improvviso e, per prepararvi al meglio al sapore natalizio, ecco i 5 film di Natale da vedere e rivedere!

Mamma ho perso l'aereo5 – MAMMA HO PERSO L’AEREO
di Chris Columbus (1990)

Una delle commedie cult degli anni Novanta, che parte da uno spunto molto semplice o, meglio, da una sensazione. Una sensazione che tutti noi abbiamo provato almeno una volta nella vita: quella di aver dimenticato qualcosa dopo essere partiti per un lungo viaggio. Tempi comici perfetti, battute brillanti e folgoranti, una colonna sonora di John Williams indimenticabile. Ma su tutto emerge il bambino Macaulay Culkin. Perchè la vita va affrontata con il sorriso e con la spiazzante semplicità che solo un bambino può avere.

Vacanze di natale 954 – VACANZE DI NATALE 95
di Neri Parenti (1995)

Il cinepanettone per antonomasia. Massimo Boldi e Christian De Sica al loro meglio, irrefrenabili, irresistibili, per una volta triviali ma non volgari. Tutti ad Aspen alla disperata ricerca di una moglie da riconquistare e di Dylan di Berverly Hills 90210. Memorabile Cristiana Capotondi nella parte della ragazzina fan disposta a tutto.

L'ultimo Capodanno3 – L’ULTIMO CAPODANNO
di Marco Risi (1998)

Persone diversissime con storie altrettanto diverse e indipendenti tra di loro: una famigliola felice, tre ladri, due giovani scapestrati a caccia di emozioni nuove, una coppia che scoppia e altre strane situazioni. Tratto dal racconto L’ultimo capodanno dell’umanità di Niccolò Ammaniti, un film italiano folle, eccessivo e grottesco.

 

 

Una poltrona per 22 – UNA POLTRONA PER DUE
di John Landis (1983)

La lievità, la forza popolare della comicità contenitrice di contenuti rivoluzionari e beffardi sono la spina dorsale di questo capolavoro. Un film anticapitalista e anticlassista, dove Eddie Murphy e Dan Aykroyd si divertono e fanno divertire nello scambiarsi vita, lavoro, affetti. Sceneggiatura clamorosa: banchieri sodomizzati da gorilla, maggiordomi e prostitute pronti a sovvertire l’ordine precostituito.

Elf1 – ELF
di Jon Favreau (2003)

Facciamo un monumento a Will Ferrell. Un comico esilarante, per cui il corpo e la fisicità sono importanti tanto quanto la brillantezza della parola. Un fiume di gag assurde e stralunate, capaci però di rientrare perfettamente nello “spirito natalizio”. Bellissima Zooey Deschanel. Un piccolo gioiello assolutamente da recuperare: il regista è proprio quel Jon Favreau che ha reso grande il fumetto di Iron Man, rilanciando Robert Downey Jr.

Emiliano Dal Toso