Tesnota, un’opera prima matura, lucida ed espressiva da colpo di fulmine: la recensione

Tesnota

Tesnota Russia, 2019 Regia Kantemir Balagov Interpreti Atrem Cipin, Olga Dragunova, Veniamin Kac, Anna Levit Distribuzione Movies Inspired Durata 1h e 58′

In sala dal 01 agosto

LA STORIA – Città di Nalchir, Caucaso Settenrionale, 1998. Ilana (Ila), con il padre Avi, la madre Adina e il fratello David, appartiene alla coesa comunità locale ebraica. Ma il suo carattere indipendente si manifesta costantemente; adora lavorare come meccanico nella piccola officina paterna e alla corte del coetaneo Rafa, preferisce serate alcoliche e selvagge assieme a Zalim, della più numerosa “tribù” cabarda che dagli ebrei dista per religione (musulmana), usi e mentalità, che più lontano non si può (“siete gentili voi ebrei” “E voi cabardi come siete?”, “Duri…come rocce”). Eppure tutto sembra vivere in un tranquillo equilibrio, almeno sino a quando David e la fidanzata Lea vengono rapiti con richiesta di ingente riscatto. La comunità si divide anche meschinamente, il padre è costretto a vendere tutto, officina e averi, per racimolare almeno una parte della somma e l’altra dovrebbe arrivare, secondo i desideri dei genitori, combinando il matrimonio tra Ila e lo spasimante Rafa, di buona e benestante famiglia.

Tesnota

L’OPINIONE – Tesnota vuol dire vicinanza. Può volersi riferire alla inestricabile rete di relazioni e sentimenti che lega un ebreo alla sua famiglia o anche allo stile di ripresa, sempre addosso come un assedio, a rubare ogni gesto, ogni espressione e anche la sua significativa assenza (la visione si allargherà al giorno e al paesaggio solo verso la fine). Di certo raramente ci è capitato di vedere un’opera prima altrettanto matura, lucida ed espressiva. Kantemir Balagov (classe 1991!) è nato proprio a Nalchik – del resto è evidente la conoscenza del tessuto politico sociale ad alta esplosività del luogo – e ha studiato cinema alla corte di Alexander Sokurov. Questo però aiuta, ma ancor non spiega; perché Balagov ha davvero scritto e girato uno dei più emozionanti film degli ultimi anni (premio Fipresci a Cannes 2017, sezione Un Certain Regard e quest’anno con Dylda ha “migliorato” vincendo il premio come miglior regista, sempre in Un Certain Regard). La storia di una “guerra” in famiglia per il proprio diritto a decidere di sé (“Non sono più nostri. Appartengono a loro stessi” è la costatazione amara e lucida della madre leonessa Adina, interpretata da una regale Olga Dragunova), all’interno di un quadro generale di teatro di guerra appena sospita o imminente (e tremenda impressione fanno i filmati dei barbari assassini da parte dei ceceni, visti dai ragazzi cabardi in un ritrovo serale, incuriositi ed entusiasti come vedessero una fiction educativa).

Tesnota

Colpisce tanto la drammaticità delle passioni in lotta con le regole culturali sedimentate nei secoli, quanto l’autocontrollo di un cineasta quasi pudico a un certo punto nei confronti delle manifestazioni più eccessive; si veda come nasconda ad esempio il viso della protagonista con l’aiuto dell’asciugacapelli, mentre le viene detto: “Dovrai sposarlo”. Noi conosciamo, per tutto quello che abbiamo visto prima e capito, la rabbia e l’indignazione prigioniera che attraversa il personaggio di Ila Koft, ma lo intuiamo qui solo quasi per pura e diretta empatia. È grande cinema questo, che può realizzarsi solo grazie a una grande interpretazione: in questo caso, quella della quasi debuttante Darya Zhovnar, un concentrato di difficile equilibrio espressivo tra la consapevolezza dell’obbedienza e del dovere e la rabbia quasi ferina con cui va a sbattere e lotta contro ogni regola.