TRENT’ANNI DI CIAK D’ORO

Era il giugno del 1986, Mario Monicelli vinceva come miglior film per il suo Speriamo che sia femmina, Francesco Nuti era il miglior attore per Tutta colpa del paradiso, Giuliana De Sio la miglior attrice ancora per Speriamo che sia femmina e Nanni Moretti ritirava il premio per la sceneggiatura di La messa è finita. A quel tempo, Ciak costava 4.000 lire, era in edicola da solo un anno e oltre ai film in sala raccontava della grande esplosione del mercato delle videocassette. Altri tempi, quasi un’altra epoca. Trent’anni dopo però, Ciak è ancora qui così come i Ciak d’Oro che il prossimo 8 giugno verranno consegnati nella suggestiva location di Cinecittà. In attesa dell’evento abbiamo voluto fare un piccolo giochetto di cultura pop: passare in rassegna questi trent’anni attraverso alcune copertine, ritrovandovi volti e facce, da Monica Vitti a Paolo Sorrentino, da Marlee Matlin a Ferzan Ozpetek. Un piccolo grande viaggio nel tempo.